domenica 11 luglio 2010

Quando il bimbo piange

Nei primi mesi il vostro bambino si esprime solo con il pianto perciò è importante capire perchè piange. all'inizio sarà difficile capire cosa vuole esprimere il piccolo col pianto ma con il passare dei mesi i genitori riescono per fortuna a decifrarne i messaggi.
Nei primi mesi il bimbo difficilmente piange per capricci o per fare dispetti, dietro il suo pianto c'è sicuramente qualche malessere per cui non ignorate il suo pianto ma cercate di capire cosa abbia.
Ma quando non si riesce a interpretare il pianto del bimbo cosa si deve fare?

       Ha fame
  • Se il bimbo piange mezz'ora prima della poppata può darsi che abbia fame per cui provate a dargli da mangiare. I pianti più frequenti sono quelli per la fame.
      Ha freddo o caldo
  • I genitori  hanno spesso la tendenza a coprire troppo il proprio piccolo per paura che prenda freddo perciò può capitare che il piccolo pianga per il caldo. Il modo migliore per capire se il bimbo ha troppo caldo o troppo freddo e quello di mettergli la mano sul pancino: se e troppo caldo o addirittura bagnato, scopritelo un po, viceversa se è freddo copritelo di più.
     Ha il pannolino sporco
  • Alcuni bimbi piangono immediatamente quando hanno il pannolino sporco, altri invece non hanno alcun fastidio a tenere il pannolino sporco. Se il vostro piccolo piange cambiategli il pannolino. Un consiglio: in genere dopo i pasti i lattanti evacuano e, se non piangono, si corre il rischio di eritemi nelle parti intime con il conseguente pianto per bruciori. é importante quindi controllare spesso il pannolino evitando così che il pannolino sia troppo bagnato e sporco.
    Ha sonno
  • Il bambino è nervoso perché ha sonno ma non riesce ad addormentarsi. Mettetevi in una stanza silenziosa con la TV spenta, mettetelo al vostro petto e dondolatelo in modo armonioso cantando una ninna nanna. il piccolo si rilasserà e poi si addormenterà.
    Ha le coliche
  • le coliche gassose sono causa di pianti improvvisi, incontrollabili  e continui. In genere si presentano nei primi tre mesi del bimbo ma possono durare anche fino a 6 mesi e più raramente fino al primo anno di età. Si riconoscono dall'addome teso, continuo scalciare dl bimbo, a volte si irrigidisce e si contorce e dal pianto continuo e nervoso del piccolo. Per calmarlo provare a praticare un massaggio rotatorio al ventre per ammorbidirlo, fargli bere delle tisane ( es. finocchio, melissa, camomilla), oppure provare a dare al piccolo un cucchiaino di acqua e zucchero divisi in parti uguali ( si è notato che può calmare il pianto del bambino da mezz'ora a diverse ore).
    Vuole essere preso in braccio
  • A volte il bimbo piange semplicemente perché vuole essere preso in braccio, magari ha subito troppi stimoli e  ha bisogno di sentirsi al sicuro. Il solo fatto di sentirsi tra le braccia della mamma lo fa calmare.

Nessun commento:

Posta un commento

vuoi essere aggiornato sui nuovi post? iscriviti a questo blog e saprai in anteprima le ultime notizie.